artista

Jacopo Sansovino

(1486 - 1570)


periodo: Cinquecento
attivo a: Firenze, roma, Venezia

Jacopo Tatti detto il Sansovino. In scultura si ripropone di trasporre le esperienze luministiche della pittura veneta forzando l'uso del segno e facendo slittare, spezzandoli, i piani delle figure. L'attività in cui si esprime meglio è però l'architettura dove con l'uso del bugnato, o con le modulazioni ritmiche di vuoti e pieni, raggiunge degli effetti di vibrazione luminosa paragonabili a quelle del Tiziano in pittura.

 
Jacopo Sansovino, la Zecca  
1535, canal Grande - Venezia Jacopo Sansovino
 Cinquecento 
Jacopo Sansovino, palazzo Corner  
1537 Jacopo Sansovino
 Cinquecento 
Jacopo Sansovino, libreria Marciana  
1537 - Venezia Jacopo Sansovino
 Cinquecento 
Jacopo Sansovino, Madonna col Bambino e San Giovannino  
1537, loggetta del campanile di San Marco - Venezia Jacopo Sansovino
 Cinquecento 
Jacopo Sansovino, deposizione nel sepolcro  
1545, porta della sacrestia di San Marco - Venezia Jacopo Sansovino
 Cinquecento 
Alarte: appunti di storia dell'arte
HOME | quadro sinottico | periodi | sequenze video

Questo sito è nato come uno strumento di studio personale della Storia dell'Arte, quando, già oberato da molti impegni, decisi di affrontare quello che pareva l'ultimo concorso a cattedra. Avevo bisogno, necessariamente, vista la mole enorme di informazioni cui la materia è oggetto, di organizzare razionalmente gli argomenti per creare una memoria strutturata di risorse, riflessioni e materiale personale.

Il sito non offre alcuna garanzia assoluta relativamente all’accuratezza, all’attualità o alla completezza delle informazioni o dei materiali contenuti. Vi invito quindi ad approfondire con altre fonti le informazioni presenti.

I contenuti sono costituiti da risorse che potrebbero essere soggette a diritto d'autore. Chi utilizza il sito SI IMPEGNA perciò ad utilizzare ogni suo contenuto esclusivamente ad uso personale per la riflessione culturale e l'attività didattica.

Informazioni: scrivi