artista

Claud Monet

(1840 - 1926)


periodo: Ottocento
attivo a: Francia

Da Le Havre a Parigi - Café Guerbois - Argenteuil - Il più impressionistra - La cattedrale di Rouen - Giverny e il suo giardino - Le ninfee

Dissoluzione della forma, pennellate veloci e pastose, l'impressione visiva dell'istante

(CdT) - Dopo aver trascorso al sua fanciullezza a Le Havre, giunto a Parigi, entra in contatto con Manet ed il gruppo del Café Guerbois. Lì la sua pittura trova la vitalità che lo renderà famoso e che lo farà definire il più impressionista degli impressionisti. Anche dopo la mostra da Nadar la critica gli procura non poche amarezze, tanto che si trasferisce ad Argenteuil dove dipinge in completa immersione con la natura. Nel 1908 trascorre un lungo periodo a Venezia affascinato dalla sua architettura. Quando si stabilisce a Giverny può finalmente concentrarsi sulla pittura dei suoi stagni di cui coglie le infinite varianti di luce e di colore.

(http://www.francescomorante.it/pag_3/304b.htm) - Claude Monet, tra tutti i pittori dell’impressionismo, può essere considerato il più impressionista di tutti. La sua personale ricerca pittorica non uscirà mai dai confini di questo stile, benché egli sopravviva molto più a lungo dell’impressionismo.

La sua formazione avvenne in maniera composita, trovando insegnamento ed ispirazione in numerosi artisti del tempo. A diciotto anni iniziò a dipingere, sotto la direzione di Boudin, che lo indirizzò al paesaggio en plain air. Recatosi a Parigi, ebbe modo di conoscere Pissarro, Sisley, Renoir, Bazille. In questo periodo agisce su di lui soprattutto l’influenza di Courbet e della Scuola di Barbizon.

Nel 1863 si entusiasmò per «La Colazione sull’erba» di Manet e cercò di apprenderne il segreto. Nel 1870 conobbe la pittura di Constable e Turner. In questo periodo si definisce sempre più il suo stile impressionistico, fatto di tocchi di colore a rappresentare autonomi effetti di luce senza preoccupazione per le forme. Nel 1872 dipinse il quadro che poi diede il nome al gruppo: «Impression. Soleil levant». Questo quadro fu esposto nella prima mostra tenuta dagli impressionisti nel 1874.

In questo periodo lo stile di Monet raggiunge una maturazione che si conserva inalterata per tutta la sua attività posteriore. Partecipa a tutte le otto mostre di pittura impressionista, tenute fino al 1886. I suoi soggetti sono sempre ripetuti infinite volte per esplorarne tutte le varianti coloristiche e luministiche. Tra le sue serie più famose vi è quella che raffigura la cattedrale di Rouen. La facciata di questa cattedrale viene replicata in ore e condizioni di luminosità diverse. Ogni quadro risulta così diverso dall’altro, anche se ne rimane riconoscibile la forma di base pur come traccia evanescente e svaporizzata.

Dal 1909 al 1926, anno della sua morte, esegue una serie di quadri aventi a soggetto «Le ninfee». In questi fiori acquatici sono sintetizzati i suoi interessi di pittore, che rimane impressionista anche quando le avanguardie storiche hanno già totalmente demolito la precedente pittura ottocentesca.

 
Claud Monet, La Grenouillère
1869, Metropolitan Museum of Art - New York Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, Impression. Soleil Levant
1872 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, La cattedrale di Rouen
1894 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, La cattedrale di Rouen
1894 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, La cattedrale di Rouen
1894 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, La cattedrale di Rouen
1894 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, La cattedrale di Rouen
1894 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, Ninfee
1899 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, Nymphs
1899 Claud Monet
 Ottocento 
Claud Monet, lo stagno delle ninfee
1899, Musée d'Orsay - Parigi Claud Monet
 Ottocento 
Alarte: appunti di storia dell'arte
HOME | quadro sinottico | periodi | sequenze video

Questo sito è nato come uno strumento di studio personale della Storia dell'Arte, quando, già oberato da molti impegni, decisi di affrontare quello che pareva l'ultimo concorso a cattedra. Avevo bisogno, necessariamente, vista la mole enorme di informazioni cui la materia è oggetto, di organizzare razionalmente gli argomenti per creare una memoria strutturata di risorse, riflessioni e materiale personale.

Il sito non offre alcuna garanzia assoluta relativamente all’accuratezza, all’attualità o alla completezza delle informazioni o dei materiali contenuti. Vi invito quindi ad approfondire con altre fonti le informazioni presenti.

I contenuti sono costituiti da risorse che potrebbero essere soggette a diritto d'autore. Chi utilizza il sito SI IMPEGNA perciò ad utilizzare ogni suo contenuto esclusivamente ad uso personale per la riflessione culturale e l'attività didattica.

Informazioni: scrivi