artista

Canaletto

(1697 - 1768)


periodo: Settecento
attivo a: Venezia

Giovanni Antonio Canal detto il Canaletto
figlio di uno scenografo, esordì come tale; dopo i vent'anni andò a studiare a Roma dipingendo vedute al naturale. A cinquant'anni partì a Londra, dove era molto apprezzato, per tornare definitivamente a Venezia dieci anni dopo. Nel primo periodo di attività Canaletto usa "pennellate larghe e pastose, con ampie parti di luce e d'ombra" ma, con una tecnica fatta di linee diritte e piccoli tocchi di colore luminoso, conduce presto la sua pittura verso un'esattezza formale perfettamente in sintonia col lo spirito illuministico. L'uso della prospettiva non è più scenografico e non serve ad ingannare come nel barocco ma è strumento di ordine compositivo. La tecnica piega l'enfasi architettonica barocca ad un rigore che è espressione di una nuova razionalità. L'uso della camera ottica, certo non necessaria all'artista - che conosceva perfettamente le regole prospettiche - come supporto tecnico, serviva a rendere un’immagine sfrondata dal falso e dall’eccesso a cui aveva abituato la “prospettiva-mestiere” negli anni precedenti.

 
Canaletto, il ritorno del Bucintoro al molo il giorno dell'Assunzione  
1729, collezione Crispi - Milano Canaletto
 Settecento 
Canaletto, Basilica di Vicenza e ponte di Rialto secondo il progetto del Palladio  
1750, galleria Nazionale - parma Canaletto
 Settecento 
Alarte: appunti di storia dell'arte
HOME | quadro sinottico | periodi | sequenze video

Questo sito è nato come uno strumento di studio personale della Storia dell'Arte, quando, già oberato da molti impegni, decisi di affrontare quello che pareva l'ultimo concorso a cattedra. Avevo bisogno, necessariamente, vista la mole enorme di informazioni cui la materia è oggetto, di organizzare razionalmente gli argomenti per creare una memoria strutturata di risorse, riflessioni e materiale personale.

Il sito non offre alcuna garanzia assoluta relativamente all’accuratezza, all’attualità o alla completezza delle informazioni o dei materiali contenuti. Vi invito quindi ad approfondire con altre fonti le informazioni presenti.

I contenuti sono costituiti da risorse che potrebbero essere soggette a diritto d'autore. Chi utilizza il sito SI IMPEGNA perciò ad utilizzare ogni suo contenuto esclusivamente ad uso personale per la riflessione culturale e l'attività didattica.

Informazioni: scrivi