artista

Giulio Romano

(1499 - 1546)


periodo: Cinquecento
attivo a: Roma, Mantova

Giulio Pippi detto Giulio Romano. Chiamato a Mantova dai Gonzaga diventa protagonista incontrastato della vita artistica del luogo. E' a contatto diretto con l'arte del Mantegna e dell'Alberti ma usa l'antico per appropriarsi dei suoi elementi e stravolgerne il senso e per trarre spunti da evolvere nell'immaginario, fino al grottesco. SI rifà al Correggio nella decorazione delle sale interne ma non si preoccupa di armonizzare pittura e architettura sicché le rappresentazioni emanano un senso di irrealtà opposto alla naturalismo delle cupole di Parma (Argan) Lo stesso atteggiamento "irriverente" che usa in architettura dove gioca con varianti proporzionali e contrasti chiaroscurali, mescolando gli ordini con ironia, interrompendo il bugnato di una facciata e lasciando intravedere il piano liscio del fondo.

 
Giulio Romano, sala di Costantino  
1520, palazzi Vaticani - Città del Vaticano Giulio Romano
 Cinquecento 
Giulio Romano, palazzo del te
1531, palazzo del Te - Mantova Giulio Romano
 Cinquecento 
Giulio Romano, la caduta dei giganti  
1531, palazzo del Te - Mantova Giulio Romano
 Cinquecento 
Alarte: appunti di storia dell'arte
HOME | quadro sinottico | periodi | sequenze video

Questo sito è nato come uno strumento di studio personale della Storia dell'Arte, quando, già oberato da molti impegni, decisi di affrontare quello che pareva l'ultimo concorso a cattedra. Avevo bisogno, necessariamente, vista la mole enorme di informazioni cui la materia è oggetto, di organizzare razionalmente gli argomenti per creare una memoria strutturata di risorse, riflessioni e materiale personale.

Il sito non offre alcuna garanzia assoluta relativamente all’accuratezza, all’attualità o alla completezza delle informazioni o dei materiali contenuti. Vi invito quindi ad approfondire con altre fonti le informazioni presenti.

I contenuti sono costituiti da risorse che potrebbero essere soggette a diritto d'autore. Chi utilizza il sito SI IMPEGNA perciò ad utilizzare ogni suo contenuto esclusivamente ad uso personale per la riflessione culturale e l'attività didattica.

Informazioni: scrivi